È meglio usare le macchine o i pesi liberi?

(articolo di Francesco Currò Scientific Bodybuilding)


Di tanto in tanto, sulle varie riviste del settore, ma anche su libri o nei vari siti web dedicati allo sport del ferro, compare qualche "chiarificante" trafiletto in cui "l'illuminato" esperto di turno ci "spiega" – senza mai sbilanciarsi più di tanto - se è meglio scegliere le macchine o i pesi liberi. Nulla di scandaloso in ciò, se non fosse per il non trascurabile particolare che se leggiamo tutti (da almeno trenta anni a questa parte) questi interventi, ci accorgiamo che sono uguali al primo (scritto, appunto una trentina di anni fa)!

Certo, qualche esperto più "saggio degli altri" qualcosa di "suo" lo aggiunge: invece di scrivere "vantaggi" scrive "UP", invece di scrivere "svantaggi" scrive "malus", ma come potete comprendere da soli, riscrivere un termine in lingua più assonante, non altera i concetti che sono sempre e comunque i soliti:

Comunque, ogni tanto qualcuno cerca di metterci davvero qualcosa di suo, anche se non sempre i risultati sono quelli sperati: ultimamente mi ha colpito la spiegazione di un "guru" d'oltreoceano, che giustificava la superiorità delle trazioni alla sbarra rispetto al lat machine nel seguente modo: "nelle trazioni alla sbarra siamo noi a girare attorno alla sbarra, mentre nel lat machine è la sbarra che gira intorno a noi…". Se codesti esperti, prima di spacciarsi per tali, andassero un po' a scuola (non pretendo lauree, ma almeno le superiori) ci eviterebbero di leggere affermazioni umoristiche come quella appena citata: chiunque abbia fatto le scuole superiori, ed è venuto a conoscenza del concetto di sistema di riferimento, sa che – dal punto di vista della dinamica di un movimento - non c'è alcuna differenza tra un corpo A (sbarra) che va verso un corpo B (noi) e un corpo B (noi) che va verso un corpo A (sbarra).

Ho citato questo esempio, non per far polemica, ma (sfruttando la contrapposizione trazioni alla sbarra – lat machine) per spiegare una volta per tutte, i motivi (secondo il mio modesto parere) per cui – quando è possibile - è sempre meglio scegliere i pesi liberi.

Che le trazioni alla sbarra siano più produttive del lat machine, non lo scopro certo io: chiunque abbia provato entrambi gli esercizi si sarà accorto della "differenza". Ma quale può essere il vero motivo di ciò?

Ebbene, secondo il mio modestissimo parere, il motivo è – banalmente - che ogni macchina a causa dei sistemi di carrucole, di cavi e di scorrimenti vari, presenta necessariamente dell'attrito. L'effetto (benché piccolo) dell'attrito, in termini semplici, fa si che ogni contrazione concentrica (positiva) sia un pochino più pesante della corrispondente contrazione eccentrica (negativa):

Carico a cui è sottoposto il muscolo durante la fase concentrica: C + dC

Carico a cui è sottoposto il muscolo durante la fase eccentrica: C - dC

Con C = carico sull'attrezzo e dC = influenza dell'attrito, che nel primo caso si somma a C, mentre nel secondo caso, agendo in direzione opposta, si sottrae.

Tale situazione è – da quanto si evince da ricerche scientifiche, ma anche da moltitudini di esperienze empiriche - esattamente l'opposto di quella necessaria per l'ideale stimolazione dei muscoli, che è la seguente: più carico nella fase eccentrica, meno carico nella fase concentrica!

Ecco quindi i motivi, piuttosto semplici (ma perché nessuno ci aveva ancora pensato?), per cui le trazioni alla sbarra sono più efficaci del lat machine: nelle trazioni alla sbarra, non siamo ancora nella situazione ideale (citata sopra) in quanto il carico si mantiene costante sia nella fase concentrica che in quella eccentrica, ma almeno non siamo nella condizione più svantaggiosa…

Badate bene però: questo, non è un invito a non utilizzare tutte le macchine che ci sono in palestra. La differenza di carico tra la fase concentrica e quella eccentrica è minima e lo svantaggio derivante da ciò, a volte, è compensato da alcune caratteristiche delle macchine, come ad esempio, la maggiore ampiezza di movimento utile (vedi macchine a camme) e la "comodità" di utilizzo, che consente una maggiore concentrazione sul muscolo da allenare.

Ma, a parte tutte le esposizioni teoriche, come fare per eseguire un movimento che si avvicini più possibile alla situazione ideale? Da quanto esposto, la soluzione non può che essere la seguente: se disponete di un compagno di allenamento in gamba, fatelo agire in modo da rendervi un po' più pesante ogni fase negativa delle ripetizioni: vedrete che i risultati - sia con le macchine che con i pesi liberi - miglioreranno sensibilmente!