Ipertrofia muscolare

( di Alessandro Locati Bodybuilding Italia Sport & Fitness)

Le Fibre "rosse"

Le fibre "rosse" sono chiamate anche "di tipo I", o "lente", o "STF".
Esse sono ricche di mioglobina, una sostanza che è appunto di colore rosso e che, all'interno della fibra, trasporta l'ossigeno fino ai corpuscoli (i mitocondri) nei quali viene utilizzato. L'ossigeno è fondamentale per queste fibre dal momento che esse traggono l'energia quasi esclusivamente dal "meccanismo aerobico", quello nel quale l'ossigeno si combina con gli zuccheri o con i grassi.
Ciascuna fibra rossa è circondata da un numero elevato di capillari, proprio per favorire l'apporto di ossigeno.
Esse hanno mediamente meno forza e meno velocità di contrazione (ossia di accorciamento), ma sono dotate di grande resistenza alla fatica.
Gli atleti che eccellono nelle discipline di fondo come i maratoneti, i marciatori, i ciclisti della strada e gli sciatori di fondo hanno di solito muscoli nei quali prevalgono queste fibre lente.

Le Fibre "bianche"

Le fibre bianche sono dette anche "di tipo II", o "veloci", o "FTF".
Esse possono accorciarsi molto rapidamente e produrre valori elevati di tensione alle estremità; contengono poca emoglobina e pochi mitocondri e dunque non essendo in grado di usare il meccanismo aerobico per la produzione di energia, usano per lo più quello di tipo anaerobico-latticido.
Negli scattisti dell'atletica leggera, nei saltatori, nei bodybuilders e in tutti quegli atleti che praticano discipline nelle quali è importante la forza esplosiva (e non è importante la resistenza), i muscoli hanno una percentuale di fibre bianche (fibre veloci) superiore a quella delle fibre rosse.

Fra le fibre bianche, comunque, si possono distinguere alcuni sottotipi:


 FIBRE ROSSE

 FIBRE BIANCHE


fibre di tipo I
fibre lente
STF

fibre di tipo II
fibre veloci
FTF

Dimensioni

più sottili

diametro maggiore

Capillari

molti

pochi

Velocità di contrazione

bassa

elevata

Resistenza alla fatica

buona o ottima

discreta o scarsa

Mioglobina

abbondante

scarsa

Produzione energetica

aerobica

anaerobica


Un allenamento adeguato può trasformare in parte le caratteristiche delle fibre muscolari.

Queste sono le misurazioni fatte in differenti condizioni d'allenamento abituale :

un sedentario ha una ripartizione in fibre del tipo 40-30-30 (40% di tipo I, 30% di tipo IIa, 30% di tipo IIx)

uno sprinter 20-45-25

una persona che pratica regolarmente jogging 50-40-10

un mezzofondista 55-40-5

un maratoneta 80-20-0

un ultramaratoneta 95-5-0

Si nota che le fibre IIx sono trascurabili in persone che praticano allenamenti di resistenza. Diversi esperimenti hanno confermato la possibilità di trasformazione di fibre IIx in IIa (infatti è impensabile che un maratoneta nasca senza fibre IIx) e che tale trasformazione oltre a poter avvenire anche in senso inverso (da IIa a IIx) è anche reversibile. La conversione fra i tipi I e II non è ancora chiara e anche la dove sia stata dimostrata appare piuttosto rara. Va comunque detto che ogni persona nasce con una determinata distribuzione tra fibre rosse e bianche, definita nel proprio codice genetico, e che l'allenamento non può modificare radicalmente tale predisposizione.


<< 1 2 3 4 5 >>