Circuito Natural BodyBuilding Italiano

(di Claudio Tozzi, Direttore della Natural BodyBuilding Federation)

Le 10 regole del Natural Bodybuilder

    Non deve assumere nessun tipo di farmaci inseriti nella lista ufficiale del comitato olimpico internazionale, nemmeno a bassi dosaggi e/o per brevi periodi di tempo. Nel totale rispetto della morale natural, non deve quindi assumere anche i farmaci dopanti che non risulterebbero ad un normale antidoping, che sono:

    ed eventualmente tutti i nuovi farmaci che venissero messi commercio che avessero questa caratteristica. Per uniformarsi alle regole natural in vigore negli USA, sono considerati natural anche gli atleti che non assumuno più steroidi da almeno cinque anni. L'atleta natural non deve comunque fare abuso di alcolici e sostanze psicoattive. L'atleta natural può assumere integratori, a patto che non siano inseriti nella lista doping del C.I.O., compresi:

    L'atleta natural non deve eventualmente rifiutarsi di fare qualsiasi tipo di controllo antidoping da parte degli organismi preposti. L'atleta natural può attuare qualsiasi tipo di allenamento che ritenga efficace, sia nella durata che nella frequenza. Tuttavia, tutti gli studi e le prove sul campo hanno dimostrato in modo inequivocabile che l'allenamento BREVE - INTENSO - INFREQUENTE sia l'optimum per chi non utilizza farmaci dopanti (anche per chi li usa…). Quindi, chi vuole allenarsi in modo diverso può farlo, ma si ricordi, specialmente se è anche istruttore, che il 90% dei soggetti natural non sopporta allenamenti superiori alle quattro volte settimanali e della durata massima di un'ora e 20 minuti. L'atleta natural deve aggiornarsi continuamente, in quanto egli deve curare ogni particolare per poter ottenere la massima performance. E' d'obbligo quindi frequentare corsi, seminari e leggere libri e riviste. L'atleta natural deve, in ogni occasione possibile, divulgare il "verbo" natural in modo da togliere dallo spettro del doping più persone possibili. In particolar modo deve far presente a chi vuole prendere farmaci dopanti dei rischi in cui può andare incontro. L'atleta natural deve ricordarsi che non esiste il "natural a metà"; l'uso anche minimo di farmaci dopanti non è permesso nel modo più assoluto e totale.