HMB: Effetti e Benefici nello sport

Introduzione

Come è noto gli amminoacidi a catena ramificata (Leucina, Isoleucina e Valina) costituiscono circa 1/3 del contenuto proteico muscolare.
Tra questi ha destato particolare interesse, soprattutto in ambito sportivo, la Leucina ed in particolare i suoi metaboliti per i molteplici effetti:

E' noto infatti da ormai diversi anni come la Leucina espleti uno spiccato ruolo anti-catabolico, ma solo da poco tempo è stato identificato il potenziale meccanismo d'azione, legato per lo più a suoi diretti cataboliti.
Questo aminoacido infatti è metabolizzato prima in alfa-ketoisocaproato e successivamente in Isovaleryl –CoA al livello mitocondriale ed infine nel citosol cellulare in Idrossi-Metil-Butirrato (HMB), responsabile dell'azione biologica.
In linea di massima approssimativamente il 5% della Leucina è metabolizzata in HMB, quindi per ottenere i 3 gr di HMB, classicamente utilizzati nei protocolli integrativi, in via del tutto teorica sarebbero necessari circa 60 gr di Leucina.

Fieno Greco: Pianta e semi

Gli effetti biologici dell'HMB

Per comprendere al meglio le possibili applicazioni dell'HMB in ambito sportivo è fondamentale conoscere il suo meccanismo d'azione.
Al momento, nonostante molti studi siano ancora in corso, all'HMB vengono attribuite proprietà biologiche differenti, tra le quali:

Appare evidente quindi come l'uso di HMB possa regolare in profondità i processi di biosintesi e degradazione proteica, esercitando un ruolo modulatore sicuramente degno di nota dal punto di vista biologico.
Queste prime evidenze quindi sosterrebbero l'utilità sportiva, e non solo, dell'HMB nel recupero muscolare.

L'HMB in ambito sportivo e non solo

Visto il potenziale ruolo biologico, si sono diffusi negli ultimi anni integratori a base di HMB, che si sono rivelati particolarmente utili negli atleti di diverse discipline.
Rileggendo le numerose review attualmente presenti in letteratura, la supplementazione con HMB sembrerebbe:

Applicazioni particolarmente interessanti relative all'utilizzo di HMB, si sono osservate anche in ambito antiaging.
Questo integratore infatti è stato utilizzato con successo in nutrizione antiaging, nel contrasto della tanto temuta sarcopenia, ossia di quella condizione cronica di catabolismo muscolare, associata ad un deperimento organico età-correlato nonché all'insorgenza di differenti stati morbosi tra i quali ad esempio l'osteoporosi.
L'uso di questo integratore nei sarcopenici e negli anziani, avrebbe garantito un apprezzabile recupero muscolare con conseguenti miglioramenti quali: riduzione dell'astenia, maggiore tollerabilità all'esercizio fisico, riduzione di alcune manifestazioni depressive, incremento dell'appetito.
Si attendono pertanto studi futuri in grado di focalizzare ancora più precisamente il ruolo protettivo di questa molecola.

Modalità d'uso

Negli studi attualmente pubblicati in letteratura i dosaggi di HMB proposti oscillano tra i 3 ed i 6 grammi giornalieri, seppur già il dosaggio minimo determinerebbe risultati apprezzabili sulla performance e sulle caratteristiche fisiche dell'atleta, difficilmente migliorabili con dosaggi maggiori.
Gli stessi autori ne suggeriscono l'assunzione a stomaco vuoto, magari in combinazione con zuccheri semplici per migliorarne l'assorbimento intestinale ed il trasporto e lo storage al livello muscolare.

Precauzioni d'impiego

L'uso di integratori a base di HMB ai dosaggi proposti, sembrerebbe ben tollerato e privo di effetti collaterali clinicamente rilevanti.
Tuttavia in alcuni casi si sarebbe osservata un aumentata incidenza di reazioni avverse gastro-enteriche quali diarrea, dolori crampiformi, nausea e vomito.
Nonostante la buona tollerabilità sarebbe opportuno ricordare come l'uso questi integratori non sostituisca in alcun modo una dieta sana ed equilibrata, risultando tra l'altro controindicato in pazienti con patologie renali, epatiche e cardiovascolari nonché durante l'allattamento, la gravidanze e nei bambini al di sotto dei 12 anni.
L'uso prolungato dovrebbe essere supervisionato dal medico.

Bibliografia

Effects of β-Hydroxy-β-methylbutyrate Free Acid Ingestion and Resistance Exercise on the Acute Endocrine Response.
Townsend JR, Hoffman JR, Gonzalez AM, Jajtner AR, Boone CH, Robinson EH, Mangine GT, Wells AJ, Fragala MS, Fukuda DH, Stout JR.
Int J Endocrinol. 2015;2015:856708

[Sarcopenia intervention with progressive resistance training and protein nutritional supplements].
Palop Montoro MV, Párraga Montilla JA, Lozano Aguilera E, Arteaga Checa M.
Nutr Hosp. 2015 Apr 1;31(4):1481-90.

The Addition of Beta-hydroxy-beta-methylbutyrate and Isomaltulose to Whey Protein Improves Recovery from Highly Demanding Resistance Exercise.
Kraemer WJ, Hooper DR, Szivak TK, Kupchak BR, Dunn-Lewis C, Comstock BA, Flanagan SD, Looney DP, Sterczala AJ, DuPont WH, Pryor JL, Luk HY, Maladoungdock J, McDermott D, Volek JS, Maresh CM.
J Am Coll Nutr. 2015 Mar-Apr;34(2):91-9

β-Hydroxy-β-methylbutyrate (HMB) supplementation and resistance exercise significantly reduce abdominal adiposity in healthy elderly men.
Stout JR, Fukuda DH, Kendall KL, Smith-Ryan AE, Moon JR, Hoffman JR.
Exp Gerontol. 2015 Apr;64:33-4

β-Hydroxy-β-methylbutyrate (HMB) and prevention of muscle wasting.
Hasselgren PO.
Metabolism. 2014 Jan;63(1):5-8

Effects of leucine and its metabolite β-hydroxy-β-methylbutyrate on human skeletal muscle protein metabolism.
Wilkinson DJ, Hossain T, Hill DS, Phillips BE, Crossland H, Williams J, Loughna P, Churchward-Venne TA, Breen L, Phillips SM, Etheridge T, Rathmacher JA, Smith K, Szewczyk NJ, Atherton PJ.
J Physiol. 2013 Jun 1;591(Pt 11):2911-23

Effects of beta-hydroxy-beta-methylbutyrate (HMB) on exercise performance and body composition across varying levels of age, sex, and training experience: A review.
Wilson GJ, Wilson JM, Manninen AH.
Nutr Metab (Lond). 2008 Jan 3;5:1