Leucina: funzioni e benefici per lo sportivo

Introduzione

La dietetica sportiva ha registrato negli ultimi anni una crescita esponenziale, in linea con il crescente interesse dell'utenza.
Non solo gli atleti infatti, bensì anche coloro che considerano lo sport come hobby, sono alla continua ricerca di protocolli dietetici, allenanti ed integrativi in grado di migliorare la performance ed il proprio aspetto fisico.
Il crescente consumo di integratori proteici, integratori di aminoacidi a catena ramificata, glutammina, creatina e così via ne è la principale testimonianza.
Su questa scia si è osservato, soprattutto nell'ultimo periodo, un grande interesse, sia commerciale che scientifico, nei confronti di un particolare aminoacido, rientrante tra gli aminoacidi a catena ramificata e noto come Leucina.
Si è infatti osservato come l'attività fisica sub-massimale, ad esempio condotta al 50% della VO2 max, possa determinare una deplezione delle riserve muscolari di Leucina, sostenuta evidentemente dal rate di ossidazione, doppio o triplo rispetto gli altri aminoacidi a catena ramificata.
Queste evidenze hanno quindi sottolineato l'importanza dietetica ed integrativa di questo aminoacido.

La Leucina negli alimenti

Nonostante l'ampio impiego e l'elevato tasso di ossidazione della Leucina registrato tra gli sportivi, anche i fabbisogni più intensi possono essere soddisfatti attraverso una dieta equilibrata e talvolta mediate l'utilizzo di specifici integratori.
Tuttavia recenti riferimenti (LARN 2014), definirebbero in 78 mg/gr di proteine il contenuto medio di Leucina nella dieta italiana, attestandosi pertanto a livelli del tutto soddisfacenti.
A contribuire in maniera preponderante al contenuto dietetico di questo aminoacido, vi sarebbero alimenti quali:

Fortunatamente contenuti di Leucina apprezzabili sarebbero riscontrabili anche in alimenti di origine vegetale come alcune verdure quali zucchine e spinaci e chiaramente nei legumi, in particolar modo nei fagioli.
Potrebbero pertanto essere agevolmente soddisfatte anche le necessità dietetiche in particolari condizioni quali ad esempio regimi nutrizionali vegetariani e vegani.

La Leucina nella pratica sportiva

L'elevata velocità di ossidazione durante l'esercizio fisico anche sub-massimale, il rapido depauperamento delle riserve muscolari post-esercizio testimoniano l'importanza della Leucina nella pratica sportiva.
Nonostante gli studi orientati alla definizione delle proprietà biologiche della Leucina in ambito sportivo, siano ancora poco numerosi, da quelli attualmente presenti in letteratura sarebbe possibile agevolmente carpire:

Leucina e sintesi proteica

Nonostante le suddette attività risultino particolarmente preziose per la salute dell'atleta nonché per il mantenimento della performance, grande enfasi nell'ultimo periodo ha avuto lo studio delle proprietà di controllo esercitate dalla Leucina e dai suoi metaboliti sulla sintesi proteica.
Diversi lavori infatti dimostrano come questo aminoacido ed alcuni dei suoi metaboliti come l'Idrossi-Metil-Butirrato (HMB), possano modulare l'espressione di alcuni geni come ad esempio mTOR, direttamente coinvolti nella regolazione della sintesi proteica.
Questa attività biologica quindi potrebbe agevolmente tradursi, in un più rapido recupero della funzionalità e della struttura del muscolo scheletrico, nonché in un ottimizzazione della crescita muscolare, post-esercizio.

Leucina e sintesi proteica
In sintesi quindi, seppur ancora supportati da esclusive evidenze sperimentali, la supplementazione con Leucina garantirebbe:

Modalità d'uso

In gran parte degli studi la quota di Leucina sufficiente ad aumentare le concentrazioni di metaboliti come l'HMB, nonché a garantire un miglioramento della performance ed un ottimizzazione della sintesi proteica, risulterebbe compresa tra i 3 ed i 6 grammi giornalieri.
Sarebbe inoltre opportuno suddividere il suddetto dosaggio, sia nella fasi pre che post-allenamento.

Effetti collaterali

La supplementazione con Leucina, sembrerebbe ben tollerata e priva di effetti collaterali clinicamente rilevanti.
In ogni caso sarebbe utile attenersi alle indicazioni consigliate, evitando l'assunzione del prodotto in caso di patologie renali ed epatiche, e consultando il proprio medico qualora il protocollo integrativo richiedesse tempistiche superiori alle 6 / 8 settimane.

Bibliografia

Impact of leucine supplementation on exercise training induced anti-cardiac remodeling effect in heart failure mice.
de Moraes WM, Melara TP, de Souza PR, de Salvi Guimarães F, Bozi LH, Brum PC, Medeiros A.
Nutrients. 2015 May 15;7(5):3751-6

A high whey protein-, leucine-, and vitamin D-enriched supplement preserves muscle mass during intentional weight loss in obese older adults: a double-blind randomized controlled trial.
Verreijen AM, Verlaan S, Engberink MF, Swinkels S, de Vogel-van den Bosch J, Weijs PJ.
Am J Clin Nutr. 2015 Feb;101(2):279-86.

Amino acid supplementation and impact on immune function in the context of exercise.
Cruzat VF, Krause M, Newsholme P.
J Int Soc Sports Nutr. 2014 Dec 14;11(1):61

Distinct effects of leucine or a mixture of the branched-chain amino acids (leucine, isoleucine, and valine) supplementation on resistance to fatigue, and muscle and liver-glycogen degradation, in trained rats.
Campos-Ferraz PL, Bozza T, Nicastro H, Lancha AH Jr.
Nutrition. 2013 Nov-Dec;29(11-12):1388-94

Effect of post-exercise protein-leucine feeding on neutrophil function, immunomodulatory plasma metabolites and cortisol during a 6-day block of intense cycling.
Nelson AR, Jackson L, Clarke J, Stellingwerff T, Broadbent S, Rowlands DS.
Eur J Appl Physiol. 2013 Sep;113(9):2211-22

Leucine-enriched essential amino acid supplementation during moderate steady state exercise enhances postexercise muscle protein synthesis.
Pasiakos SM, McClung HL, McClung JP, Margolis LM, Andersen NE, Cloutier GJ, Pikosky MA, Rood JC, Fielding RA, Young AJ.
Am J Clin Nutr. 2011 Sep;94(3):809-18