Ribosio: Effetti Biologici e Benefici nello Sport

Introduzione

E' noto come il muscolo sottoposto ad esercizio fisico intermittente consumi a ritmi particolarmente elevati il pull di nucleotidi cellulari, utilizzandoli a fini energetici.
Contestualmente è stato dimostrato come il muscolo non possa recuperare queste sostanze direttamente dal circolo sanguigno, dovendo pertanto provvedere alla sintesi endogena.
Sintesi regolata, nella sua tappa limitante, dalla disponibilità diRibosio, la cui assunzione, come osservato in numerosi studi sperimentali condotti prevalentemente sul muscolo di ratto, determinerebbe un netto incremento delle concentrazioni muscolari di ATP.
La disponibilità di Ribosio pertanto, soprattutto durante l'esercizio fisico, potrebbe costituire un valido aiuto ergogenico.

Il Ribosio

Il Ribosio è un monosaccaride a 5 atomi di carbonio noto soprattutto per le sue spiccate attività energetiche.
Dal punto di vista biologico infatti il Ribosio interviene direttamente nella sintesi di glucosio 6 fosfato attraverso la via dei pentoso fosfati, nella sintesi di nucleotidi come l'ATP, nella sintesi di altri nucleotidi direttamente coinvolti nei processi di replicazione del DNA e nella sintesi di aminoacidi come Glutammina, Glutammato, Prolina ed Arginina, preziosi sia per le attività strutturali che funzionali.
RibosioCaratterizzato da una sapore dolciastro e dalla consistenza solida a temperatura ambiente, il D-Ribosio è poco presente in natura, obbligando pertanto l'organismo umano a sintetizzarne le opportune quantità a partire da Glucosio.
Proprio per la scarsa presenza in natura, gli integratori di D-Ribosio vengono ottenuti a partire dallo sciroppo di granoturco, attraverso l'uso di bioreattori a base di lieviti e batteri, in grado di metabolizzare il glucosio presente nel suddetto substrato direttamente in Ribosio.
Lo zucchero così ottenuto, opportunatamente purificato, assume la caratteristica consistenza di polvere biancastra, risultando così particolarmente agevole all'uso.

Ribosio e sport

Il Ribosio è uno degli integratori più utilizzati in ambito sportivo, nonostante gli studi non dimostrino particolari benefici derivanti dall'assunzione di questo zucchero.
Più precisamente il Ribosio verrebbe utilizzato in ambito sportivo per le proprietà ergogeniche, utili soprattutto nella risintesi di nucleotodi ed in particolare di ATP, nell'ottimizzazione delle proprietà anaboliche, in particolare nella sintesi proteica.
Le suddette attività tuttavia non sarebbero state ulteriormente confortate da dati clinici.
Anzi la letteratura scientifica dimostrerebbe l'inutilità del Ribosio nel migliorare la performance, nel migliorare la composizione corporea, nel migliorare le capacità aerobiche ed in ultima analisi nel potenziare le capacità atletiche.
Interessanti invece sarebbero le potenzialità antiossidanti di questo zucchero.
Infatti nonostante biologicamente non si sia caratterizzata l'attività molecolare antiossidante di questo zucchero, secondo alcuni autori l'integrazione con Ribosio sembrerebbe ridurre, nelle immediati fasi post-allenamento, le concentrazioni di alcuni marcatori di danno ossidativo muscolare come la malonil dialdeide, la lattato deidrogenasi e la Cratin fosfokinasi.
Questo tipo di attività potrebbe pertanto determinare una rivalutazione delle reali potenzialità biologiche dell'integrazione con Ribosio, spostandone l'utilità da ergogenico a potenziale rimedio mio-protettivo.

Modalità d'uso

L'ottima solubilità in ambiente acquoso ed il gradevole sapore dolciastro, facilitano notevolmente l'uso di questo zucchero.
Nonostante l'assenza di dosaggi specifici e di dati riproducibili, soprattutto per le finalità ergogeniche, al momento il consumo di 7 gr di Ribosio, nelle immediati fasi pre-allenamento, sembrerebbe potenziare l'attività antiossidante muscolare, proteggendo le miofibrille dall'azione lesiva delle specie reattive dell'ossigeno.
Risulterebbe inoltre importante considerare come dose eccessivi di questo zucchero, alterando il normale equilibrio ossido-reduttivo della cellula, potrebbero determinare una riduzione delle capacità ergogeniche della cellula.

Effetti collaterali

L'uso di Ribosio potrebbe determinare l'insorgenza di effetti collaterali sia in acuto che in cronico.
Più precisamente l'uso di questo zucchero a concentrazioni inadeguate potrebbe aumentare l'incidenza di reazioni avverse gastro-enteriche quali diarrea, dolori crampiformi, nausea e vomito.
L'abuso protratto nel tempo invece potrebbe aumentare il rischio di condizioni quali obesità, diabete e relative complicanze.

Bibliografia

Effects of a carbohydrate-, protein-, and ribose-containing repletion drink during 8 weeks of endurance training on aerobic capacity, endurance performance, and body composition.
Cramer JT, Housh TJ, Johnson GO, Coburn JW, Stout JR.
J Strength Cond Res. 2012 Aug;26(8):2234-42

Ribose: more than a simple sugar?
Dhanoa TS, Housner JA.
Curr Sports Med Rep. 2007 Jul;6(4):254-7

Ribose versus dextrose supplementation, association with rowing performance: a double-blind study.
Dunne L, Worley S, Macknin M.
Clin J Sport Med. 2006 Jan;16(1):68-7

Effect of ribose supplementation on resynthesis of adenine nucleotides after intense intermittent training in humans.
Hellsten Y, Skadhauge L, Bangsbo J.
Am J Physiol Regul Integr Comp Physiol. 2004 Jan;286(1):R182-8

Effects of oral D-ribose supplementation on anaerobic capacity and selected metabolic markers in healthy males.
Kreider RB, Melton C, Greenwood M, Rasmussen C, Lundberg J, Earnest C, Almada A.
Int J Sport Nutr Exerc Metab. 2003 Mar;13(1):76-8

Effects of ribose supplementation on repeated sprint performance in men.
Berardi JM, Ziegenfuss TN.
J Strength Cond Res. 2003 Feb;17(1):47-52