Maltodestrine - Quando Servono? Benefici dell'Integrazione

Proprietà e Benefici

Esistono evidenze scientifiche secondo le quali l'integrazione di maltodestrine a media D.E (destrosio equivalenza) può risultare utile per:

La destrosio equivalenza delle nostre maltodestrine è pari a 19, per questo motivo mantengono stabili i livelli glicemici e risultano di efficace metabolizzazione (né troppo lunga né troppo veloce).

Ruolo biologico

Le maltodestrine sono carboidrati ottenuti attraverso  l'idrolisi controllata dell'amido di mais o di patate e costituite da catene polimeriche di glucosio coese mediante legami alfa 1-4 glicosidici.

Le proprietà biologiche delle malto destrine  variano in base alla propria complessità strutturale misurata mediante un indice noto come Destrosio Equivalenza, indicativo del grado di idrolisi a cui queste molecole sono soggette.
Più precisamente il valore di destrosio equivalenza, varia dai 4 ai 40 in base alla lunghezza della catena polisaccaridica, incidendo significativamente sulle capacità digestive e sul relativo profilo di assorbimento; più alto sarà il valore di destrosio equivalenza, più corta sarà la catena polisaccaridica e quindi più rapido il profilo di assorbimento intestinale, comportandosi in maniera simile al glucosio.

Viceversa maltodestrine a basso D.E. risulteranno caratterizzate da un lento processo di idrolisi e da un graduale profilo di assorbimento che permetterà un rifornimento energetico costante e duraturo.

Dalla struttura molecolare e dalle caratteristiche biologiche appare evidente che il principale ruolo delle maltodestrine è quello energetico, garantendo a seconda della lunghezza delle catene polisaccaridiche, un rifornimento energetico breve ed intenso o lento e costante.

Uso nella pratica sportiva

Le particolari proprietà biologiche di queste molecole e l'elevata utilità dal punto di vista metabolico-energetico ne hanno facilitato l'ampia diffusione in ambito sportivo.

Le principali utilità delle malto destrine possono essere riassunte nelle seguenti capacità :

Dosi e modalità d'uso

Il mercato attualmente offre numerose forme di maltodestrine, tutte ottenute dall'idrolisi controllata dell'amido di mais, con differente destrosio equivalenza.

La scelta corretta relativa alla complessità della malto destrina da assumere dipende unicamente dall'uso e dagli obiettivi ricercati, preferendo:

Dopo aver scelto il tipo di maltodestrina, occorre formulare il corretto dosaggio ,affinchè la pratica integrativa soddisfi gli obiettivi posti senza risultare deleteria per l'atleta.

E' chiaro come un corretto protocollo di supplementazione non possa prescindere dalla valutazione dello stato nutrizionale e del regime dietetico dell'atleta, dal momento in cui l'ottimizzazione dell'effetto ergogenico può verificarsi esclusivamente partendo già da un buono stato energetico.

In linea di massima si consiglia l'assunzione di 30 grammi di maltodestrine per ogni ora di esercizio fisico superati i primi 90 minuti, mettendo a punto soluzioni acquose concentrate al 10%, in modo tale da ottimizzare sia assorbimento che idratazione.

Effetti Collaterali

L'ingestione acuta di maltodestrine, o di soluzioni mal solubilizzate o troppo concentrate potrebbe determinare l'insorgenza di diarrea, crampi addominali, nausea a vomito.

L'assunzione a lungo termine mal bilanciata potrebbe invece facilitare lo sviluppo di condizioni quali sovrappeso, obesità e patologie correlate, in maniera analoga a quanto fatto da una dieta particolarmente ricca in carboidrati.

Studi - Bibliografia

Oxidation of combined ingestion of maltodextrins and fructose during exercise.
Wallis GA, Rowlands DS, Shaw C, Jentjens RL, Jeukendrup AE.
Med Sci Sports Exerc. 2005 Mar;37(3):426-32.

Pflugers Arch. 2003 May;446(2):211-9. Epub 2003 Mar 4.
Carbohydrate supplementation improves moderate and high-intensity exercise in the heat.
Carter J, Jeukendrup AE, Mundel T, Jones DA.

Carbohydrate mouth rinsing in the fed state: lack of enhancement of time-trial performance.
Beelen M, Berghuis J, Bonaparte B, Ballak SB, Jeukendrup AE, van Loon LJ.
Int J Sport Nutr Exerc Metab. 2009 Aug;19(4):400-9.

Carbohydrate ingestion during exercise does not delay the onset of fatigue during submaximal cycle exercise.
Lacerda AC, Alecrim P, Damasceno WC, Gripp F, Pinto KM, Silami-Garcia E.
J Strength Cond Res. 2009 Jul;23(4):1276-81.

J Physiol. 2009 Apr 15;587(Pt 8):1779-94. Epub 2009 Feb 23.
Carbohydrate sensing in the human mouth: effects on exercise performance and brain activity.
Chambers ES, Bridge MW, Jones DA.

J Sports Med Phys Fitness. 2006 Jun;46(2):248-56.
Does a pre-exercise carbohydrate feeding improve a 20-km cross-country ski performance?
Francescato MP, Puntel I.

Med Sci Sports Exerc. 2004 Dec;36(12):2107-11.
The effect of carbohydrate mouth rinse on 1-h cycle time trial performance.
Carter JM, Jeukendrup AE, Jones DA.

J Strength Cond Res. 2003 Feb;17(1):20-5.
The effect of liquid carbohydrate ingestion on repeated maximal effort exercise in competitive cyclists.