Potassio e Magnesio: Quando Servono? Proprietà e Benefici

Proprietà e Benefici

Esistono evidenze scientifiche secondo le quali l'integrazione con magnesio e potassio può risultare utile per:

Potassio

Ruolo biologico

Il potassio è un elemento essenziale per l'organismo umano, dal momento in cui la corretta funzionalità di  singole cellule e di interi apparati dipende dalle concentrazioni di questo elemento.
Frutta e verdura rappresentano le principali fonti di questo minerale, che se consumate regolarmente e nella giusta quantità riescono a soddisfarne il suo fabbisogno senza particolari problemi.
L'importanza del potassio per la sopravvivenza dell'organismo umano è giustificata dal suo ruolo chiave nel mantenimento del potenziale di membrana, che consente alla cellula di funzionare nel modo corretto.
Concentrandosi prevalentemente al livello extra cellulare, il potassio rappresenta il principale catione dei fluidi extracellulari, e il mantenimento di questo equilibrio impiega circa il 20 – 40% del dispendio energetico a riposo.
Per render idea dell'importanza del mantenimento di questo equilibrio, si pensi che la trasmissione degli impulsi nervosi, la contrazione muscolare o la funzionalità cardiaca, dipendono strettamente dal suddetto bilanciamento le cui turbe possono compromettere seriamente lo stato di salute del paziente.
A queste vitali funzioni si aggiunge il ruolo metabolico del potassio, coinvolto nel controllo della funzionalità enzimatica soprattutto relativa al metabolismo glucidico.

Uso nella pratica sportiva

L'utilizzo degli integratori di potassio nella pratica sportiva si è diffuso grazie alle differenti formulazioni tra le quali cloruri, citrati, gluconati, bicarbonati, aspartati, oratati, che garantiscono ottimi livelli di assorbimento intestinale.
L'utilizzo del potassio in ambito sportivo è spesso correlato all'uso di integratori reidratanti ma in realtà è in grado di agire non solo migliorando e sostenendo i livelli di idratazione ma anche :

Dosaggi

Data l'importanza del mantenimento del corretto equilibrio di questo minerale, è evidente che i protocolli integrativi dovrebbero stabilire la quota opportuna da integrare in base alle esigenze dell'atleta e alla quantità introdotta attraverso l'alimentazione.
E'importante in questo caso, richiedere il parere del proprio medico affinchè valuti attentamente la situazione e definisca eventualmente la necessità e quindi il dosaggio corretto da assumere.

Effetti Collaterali

Così come l'ipopotassemia, molto frequente nei pazienti trattati con diuretici o in seguito a imponente disidratazione, è responsabile di seri effetti collaterali anche l'iperpotassemia, frequente nei pazienti affetti da patologie renali può determinare alterazioni della sensibilità delle estremità degli arti, alterazioni del ritmo cardiaco e nei casi più gravi anche arresto cardiaco.
Tra le reazioni avverse all'ingestione acuta di potassio, le più importanti interessano quelle gastro-intestinali con la comparsa di dolori crampiformi, diarrea e vomito.
E' comunque importante non eccedere la dose consigliata e rivolgersi al medico in caso di uso prolungato oltre le 6-8 settimane, in gravidanza e durante l'allattamento.

Magnesio

Ruolo biologico

Il magnesio è un oligoelemento presente in tracce (circa 25 grammi) nel corpo umano, concentrato per circa il 60% al livello scheletrico, per il 27% al livello muscolare e per la restante parte diffuso nelle varie cellule dell'organismo.
L'assunzione alimentare che avviene prevalentemente attraverso il consumo di cereali integrali, frutta secca, frutta, verdure a foglia verde, carni e latte non sempre riesce a soddisfare il fabbisogno giornaliero di questo elemento compreso generalmente tra 300 e 500mg, come dimostrato da recenti studi epidemiologici.
L'importanza di questo minerale per la salute umana è da ricondurre al suo ruolo biologico, coinvolto nel :

Queste importanti capacità abbinate al ruolo intrinseco di questo oligoelemento ne hanno consentito un importante applicazione in campo clinico per la prevenzione e il trattamento di patologie cardiovascolari e metaboliche.
Successi importanti si sono ad esempio ottenuti nel trattamento dell'osteoporosi, del diabete mellito, delle patologie cardiache e dell'ipertensione.

Uso nella pratica sportiva

Gli integratori di magnesio nelle varie forme (cloruro di magnesio, aminoacidi chelati, ossido di magnesio, citrato di magnesio…) sono rientrati nella pratica sportiva con differenti finalità orientate soprattutto a massimizzare la resa energetica dello sportivo, vista l'aumentata secrezione urinaria di questo elemento durante l'attività fisica.
Differenti studi condotti su atleti di varie discipline ed in particolare su lottatori di taekwondo, hanno dimostrato come la supplementazione con magnesio possa :

La capacità di questi integratori di sostenere il bilancio del magnesio, che tende alla negativizzazione durante l'esercizio fisico, si ripercuote positivamente sulla salute dell'atleta e sulle sue capacità performanti.

Dosaggi

I vari studi presenti in letteratura mostrano dosaggi differenti che vanno dai 10 ai 17 mg per kg di massa corporea al giorno e prolungati per almeno 4 settimane.
Nonostante l'efficacia di queste dosi, è opportuno ricordare che elevati dosaggi di magnesio espongono l'atleta a potenziali rischi.
Nella maggior parte dei protocolli integrativi la dose di 350 – 400 mg giornalieri di magnesio, riesce a soddisfare anche i fabbisogni più esigenti.
E' utile ricordare come la presenza di zinco e fibre possa ridurre sensibilmente l'assorbimento intestinale di questo oligoelemento.

Effetti Collaterali

L'ingestione acuta di magnesio ad alte dosi, potrebbe determinare l'insorgenza di scariche diarroiche intese e acquose, mentre l'ipermagnesia, solitamente dovuta all'abuso di questi integratori per periodi di tempo prolungati potrebbe determinare ipotensione, letargia, confusione, alterazioni del ritmo cardiaco, debolezza muscolare e difficoltà respiratorie.

Queste condizioni potrebbero realizzarsi più frequentemente in individui con funzionalità renale compromessa, che pertanto non riescono ad eliminare le corrette quantità di questo minerale.

E' comunque importante non eccedere la dose consigliata e rivolgersi al medico in caso di uso prolungato oltre le 6-8 settimane, in gravidanza e durante l'allattamento.