Vitamina C: importante per la salute e lo sport

Vitamina C

La Vitamina C, nota anche come acido ascorbico, è una vitamina idrosolubile non sintetizzabile dall'organismo umano, pertanto da introdurre necessariamente attraverso la dieta.
L'ampia presenza in natura e l'ottima biodisponibilità, garantita dall'assorbimento intestinale, dall'efficiente trasporto tissutale e dal riassorbimento tubulare, consentono fortunatamente di soddisfare anche i fabbisogni più esigenti.
La dieta mediterranea infatti, ricca di alimenti contenenti Vitamina C come gli agrumi, i pomodori, la frutta giallo-arancia, le verdure a foglia verde, costituisce a tutti gli effetti un protocollo bio-nutrizionale caratterizzato dall'adeguato intake di vitamine antiossidanti ed in particolare di Vitamina C.
L'importanza di questa vitamina nel mantenimento dell'opportuna omeostasi organica sarebbe evidentemente da ricondurre al suo prezioso ruolo biologico.
Numerosissime evidenze scientifiche, negli anni, hanno attribuito alla Vitamina C differenti attività, tra le quali:

Vitamina C

Vitamina C e salute

L'ampio utilizzo fatto in ambito clinico ha consentito di chiarire adeguatamente le proprietà terapeutiche e preventive di questa Vitamina.
Numerosi studi infatti dimostrano come l'assunzione di Vitamina C, a dosaggi differenti a seconda della gravità, possa rivelarsi utile in caso di patologie oncologiche, patologie cardiovascolari, patologie neurodegenerative, cataratta, gotta e patologie sostenute dallo stress ossidativo, deficit immunitari e malanni di stagione.
Molte di queste attività sono state ereditate dall'ambiente sportivo e tradotte in potenziali vantaggi per la salute dell'atleta nonché nel miglioramento della performance.

Vitamina C e sport

Nonostante il numero di studi relativi all'utilità della Vitamina C in ambito sportivo sia particolarmente numeroso, esistono ancora studi controversi e pareri discordanti.
Soprattutto negli ultimi anni la ricerca in questo settore si è concentrata sul ruolo protettivo della Vitamina C nei confronti del muscolo, piuttosto che sulle tanto ricercate attività ergogeniche.
E' noto infatti come l'esercizio fisico intenso costituisca una naturale fonte di radicali liberi dell'ossigeno nonché di citochine infiammatorie, spesso responsabili di un cronico danneggiamento muscolo-tendineo oltre che di un netto sbilanciamento dell'attività del sistema immunitario con conseguente rischio di overtraining.
Le stesse basi biologiche contribuirebbero ad un declino della performance, legato principalmente:

In quest'ottica quindi la supplementazione con Vitamina C, solitamente abbinata ad altri antiossidanti ed effettuata nelle fasi pre-allenamento, si sarebbe rivelata utile nel proteggere le strutture muscolari.
Più precisamente si sarebbe osservata:

Queste attività si tradurrebbero in un minor rischio di infortuni, in un allungamento dei tempi di esercizio, soprattutto negli sport di endurance, in un più rapido recupero muscolare, in una riduzione della sensazione di fatica e di conseguenza in un miglioramento generalizzato della performance.
In conclusione quindi la supplementazione con Vitamina C si sarebbe rivelata utile soprattutto negli sport di endurance, nei quali espleterebbe al massimo le sue funzioni citoprotettive.

Modalità d'uso

Nei vari trial clinici sportivi i dosaggi proposti relativi all'assunzione di Vitamina C risultano molto vari, definendo un range compreso tra i 200 mg ed 1000 mg giornalieri.
In linea di massima, l'azione mioprotettiva ed antiossidante sembrerebbe realizzarsi già a dosaggi minimi di 250 mg giornalieri, generalmente ben tollerati.
L'ottimizzazione dell'attività biologica della Vitamina C in ambito sportivo invece prevederebbe sia l'assunzione a stomaco vuoto che l'associazione ad altri antiossidanti come la Vitamina E.

Precauzioni d'impiego

Nonostante l'assunzione di Vitamina C si sia rivelata generalmente sicura e ben tollerata, esistono studi nei quali l'impiego ad alte dosi o per periodi particolarmente lunghi avrebbe determinato l'insorgenza di reazioni avverse come nausea, diarrea, crampi addominali e litiasi renale.
Pertanto sarebbe opportuno considerare come l'uso di questi integratori non sostituisca in alcun modo una dieta sana ed equilibrata, e che in presenza di eventuali stati patologici piuttosto che di terapie farmacologiche, risulterebbe opportuno consultare preventivamente il proprio medico.

Bibliografia

Exercise-induced oxidative stress and dietary antioxidants.
Yavari A, Javadi M, Mirmiran P, Bahadoran Z.
Asian J Sports Med. 2015 Mar;6(1)

Low vitamin C values are linked with decreased physical performance and increased oxidative stress: reversal by vitamin C supplementation.
Paschalis V, Theodorou AA, Kyparos A, Dipla K, Zafeiridis A, Panayiotou G, Vrabas IS, Nikolaidis MG.
Eur J Nutr. 2014 Dec 20

Vitamin C and E supplementation alters protein signalling after a strength training session, but not muscle growth during 10 weeks of training.
Paulsen G, Hamarsland H, Cumming KT, Johansen RE, Hulmi JJ, Børsheim E, Wiig H, Garthe I, Raastad T.
J Physiol. 2014 Dec 15;592(Pt 24):5391-408

Effects of vitamin C and E supplementation on endogenous antioxidant systems and heat shock proteins in response to endurance training.
Cumming KT, Raastad T, Holden G, Bastani NE, Schneeberger D, Paronetto MP, Mercatelli N, Ostgaard HN, Ugelstad I, Caporossi D, Blomhoff R, Paulsen G.
Physiol Rep. 2014 Oct 7;2(10)

Vitamin C and E supplementation hampers cellular adaptation to endurance training in humans: a double-blind, randomised, controlled trial.
Paulsen G, Cumming KT, Holden G, Hallén J, Rønnestad BR, Sveen O, Skaug A, Paur I, Bastani NE, Østgaard HN, Buer C, Midttun M, Freuchen F, Wiig H, Ulseth ET, Garthe I, Blomhoff R, Benestad HB, Raastad T.
J Physiol. 2014 Apr 15;592(Pt 8):1887-90

Vitamin C may alleviate exercise-induced bronchoconstriction: a meta-analysis.
Hemilä H.
BMJ Open. 2013 Jun 20;3(6). pii: e002416

The effect of vitamin C and e supplementation on muscle damage and oxidative stress in female athletes: a clinical trial.
Taghiyar M, Darvishi L, Askari G, Feizi A, Hariri M, Mashhadi NS, Ghiasvand R.
Int J Prev Med. 2013 Apr;4(Suppl 1):S16-23